La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Prescrizione Imu e Tasi — idealista/news

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi Difesa fiscale - Tutela del patrimonio personale Trattative saldo e stralcio e procedure sovraindebitamento Acquistiamo o vendiamo il tuo immobile ed estinguiamo il debito

Operativi su tutto territorio Italiano

 


Con la sentenza n. 28576, la Cassazione ha spiegato i termini della prescrizione per le tasse sulla casa (Imu, Tasi, Tari). Vediamo dopo quanti anni non e come funziona il meccanismo dei solleciti di pagamento.

Di norma, prima della notifica della cartella esattoriale, l’ente titolare del credito invia al contribuente un sollecito di pagamento. Ma la Cassazione ha sottolineato che laddove è certo l’ammontare dell’imposta perché deriva dall’autodichiarazione presentata dal contribuente ed è in discussione solo il versamento della stessa, è legittimo l’invio diretto della cartella esattoriale senza bisogno di preventivi solleciti.

Al contrario, l’avviso di accertamento è necessario quando bisogna contestare la quantificazione del tributo effettuata dal contribuente. Solo in caso di mancato adempimento a quest’ultimo l’amministrazione forma il cosiddetto ruolo e incarica l’esattore dell’avvio delle azioni esecutive. In merito nello specifico alla Tari, la Suprema Corte ha chiarito che si può procedere alla riscossione mediante notifica diretta della cartella di pagamento.

Prescrizione Imu

Ma quali sono i tempi di prescrizione delle imposte sulla casa? Le imposte collegate alla casa (Imu, Tasi, Tari) si prescrivono tutte in cinque anni. Se la cartella di pagamento dovesse arrivare dopo tale termine, il proprietario non deve pagare nulla. Se per cinque anni di seguito il contribuente non riceve alcuna intimazione di pagamento, la cartella cade in prescrizione e non è più dovuto nulla. Nel caso in cui, invece, dovesse ricevere un sollecito prima di questo termine, esso interrompe la prescrizione che torna a decorrere da capo.

Qualora il contribuente dovesse fare opposizione alla cartella di pagamento o all’intimazione di pagamento del Comune e dovesse perdere la causa, il termine di prescrizione sarebbe di 10 anni. Questo perché varrebbe la prescrizione per le sentenze e non per le cartelle esattoriali, che è sempre decennale.

Source

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi Difesa fiscale - Tutela del patrimonio personale Trattative saldo e stralcio e procedure sovraindebitamento Acquistiamo o vendiamo il tuo immobile ed estinguiamo il debito

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: