La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Notificata cartella esattoriale canone idrico risalente a più di cinque anni prima

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi Difesa fiscale - Tutela del patrimonio personale Trattative saldo e stralcio e procedure sovraindebitamento Acquistiamo o vendiamo il tuo immobile ed estinguiamo il debito

Operativi su tutto territorio Italiano

 

Mi è stata notificata in data 30/09/2016 una cartella esattoriale riguardante il mancato pagamento del canone idrico relativo agli anni 2005,2006,2007. Prima della cartella mi era stato notificato il 28/12/2010 un primo accertamento e dopo non ho ricevuto nessuna altra notifica. Nella cartella tra l’altro ho letto che il ruolo è stato reso esecutivo solo a Novembre 2015. Posso ritenere già prescritto il credito e quindi fare opposizione all’esecuzione al giudice di pace?

Con la sentenza numero 39/2010, la Consulta ha stabilito che l’attribuzione alla giurisdizione tributaria di controversie non aventi natura tributaria comporta la violazione del divieto costituzionale di istituire giudici speciali, precisando che i canoni relativi alla fornitura di acqua, nonché allo scarico e alla depurazione delle acque reflue, sono da considerarsi corrispettivi per servizi erogati e non tributi.

Pertanto, prima di rivolgersi ad un avvocato (l’opposizione all’esecuzione necessita del supporto di un professionista delle leggi) per eccepire la prescrizione quinquennale del canone innanzi al Giudice ordinario, occorrerà verificare, tramite accesso agli atti riguardanti la posizione debitoria, che sia l’ente creditore, sia il Concessionario della riscossione non le abbiano inviato ulteriori comunicazioni che risultassero correttamente notificate per compiuta giacenza, in occasione di sue temporanee assenze e, per i più svariati motivi, a lei sconosciute.

14 novembre 2016 · Annapaola Ferri

Condividi il post su Facebook e/o Twitter – Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it

Source

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi Difesa fiscale - Tutela del patrimonio personale Trattative saldo e stralcio e procedure sovraindebitamento Acquistiamo o vendiamo il tuo immobile ed estinguiamo il debito

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: