La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

L’uso di ricetta medica contraffatta non integra il reato di falsità materiale commessa dal privato

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi Difesa fiscale - Tutela del patrimonio personale Trattative saldo e stralcio e procedure sovraindebitamento Acquistiamo o vendiamo il tuo immobile ed estinguiamo il debito

Operativi su tutto territorio Italiano

 

di Andrea Rossi –

23 aprile 2018

        Nel caso oggetto della pronuncia, un medico in servizio di guardia medica ha rilasciato nei confronti di un paziente una ricetta medica, comunemente nota come ricetta bianca, contenente la prescrizione di un farmaco (Lexotan).

Questa ricetta, dopo essere stata utilizzata per acquistare il farmaco prescritto, veniva nuovamente presentata da un altro individuo ad una diversa farmacia per acquistare un secondo tipo di farmaco (Depalgos).

La direttrice della farmacia, insospettita dal fatto che la ricetta appariva contraffatta, fotocopiava e restituiva la stessa, senza dare corso alla vendita del farmaco ed avvisava dell’accaduto il medico di guardia.

Orbene, il paziente in favore del quale era stata emessa la ricetta era tratto a giudizio penale per i reati previsti e puniti dagli articoli 477 (falsità materiale commessa dal p.u. in certificati ed autorizzazioni amministrative) e 482 c.p. (falsità materiale commessa dal privato), perché incolpato di aver inserito in essa la dicitura di farmaci non prescritti dalla guardia medica e poi di averla presentata alla farmacia.

Il Tribunale di Firenze, con sentenza 5 febbraio 2018, ha, innanzitutto, ritenuto – in adesione all’orientamento giurisprudenziale di legittimità di cui alla sentenza n. 13509/2015 – che la ricetta medica c.d. bianca può essere qualificata come un certificato in quanto, pur non essendo redatta sul modulo prestampato del servizio sanitario nazionale, ha natura attestativa del diritto dell’interessato all’erogazione del medicinale in considerazione dell’accertato stato di malattia.

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi Difesa fiscale - Tutela del patrimonio personale Trattative saldo e stralcio e procedure sovraindebitamento Acquistiamo o vendiamo il tuo immobile ed estinguiamo il debito

Operativi su tutto territorio Italiano

 

E, inoltre, che la condotta punita dal delitto di falsità materiale commessa dal privato in certificati o autorizzazioni amministrative, previsto dal combinato disposto delle suddette norme, consiste nella materiale formazione, oltre che nella modificazione o alterazione, di un certificato.

Più in particolare, il suddetto delitto si consuma con la semplice formazione del documento falso e non con l’eventuale uso (o semplice sfruttamento) del documento falsificato.

In applicazione di questi principi, il Tribunale fiorentino ha assolto l’imputato per non aver commesso il fatto, in quanto nel giudizio non sono emersi elementi che potessero far ritenere, con certezza oltre il canone del ragionevole dubbio, che la contraffazione fosse opera del paziente, atteso che quest’ultimo non si era mai presentato alle farmacie per acquistare il farmaco aggiunto con la contraffazione, e nessun rilievo poteva spiegare il fatto che esso avrebbe potuto eventualmente beneficiare della contraffazione, acquistando il farmaco, non essendo quest’ultimo un elemento costitutivo del reato.

Trib. Firenze Sez. I, Sent., 05 febbraio 2018

Pacini Editore Srl
via Gherardesca 1, 56121 Pisa • cod.fisc, p.iva, reg.imp.prov.pi 00696690502 • Cap.soc.iv. 516.000 euro
Copyright © 2016. All Rights Reserved.

    <p><a href="http://www.rivistaresponsabilitamedica.it/cookie-policy/">Cookie Policy</a> | <a href="http://www.rivistaresponsabilitamedica.it/privacy-policy/">Privacy policy</a> | Credits</p>

Source

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi Difesa fiscale - Tutela del patrimonio personale Trattative saldo e stralcio e procedure sovraindebitamento Acquistiamo o vendiamo il tuo immobile ed estinguiamo il debito

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: